home pageBagnacavalloScopri il territorio › Arte e cultura
SACRARIO DEI CADUTI - CHIESA DEI BATTUTI BIANCHI
La chiesa della Confraternita dei Battuti Bianchi risale alla prima metà del XVIII secolo. La chiesa oggi è dedicata ai caduti bagnacavallesi di tutte le guerre.
STELE ARMENA - KHATCHKAR
La stele, che si trova nella corte interna di Palazzo Vecchio, è opera dello scultore armeno Grigor Kiragossian ed è stata donata nel 1998 al comune di Bagnacavallo dal comune di Vanadzor in segno di riconoscenza per l'aiuto all'Associazione Amici dell'Armenia e per l'opera di promozione di una iniziativa tesa al riconoscimento del genocidio del popolo armeno perpetrato dalla Turchia fin dal 1915, col massacro di circa un milione e mezzo di persone.
TEATRO CARLO GOLDONI
Già nel 1700 a Bagnacavallo esisteva una struttura teatrale in legno, all'interno dell'attuale Palazzo Abbondanza. Nel 1839 il Consiglio Comunale deliberò la costruzione di un nuovo teatro che si affacciasse sulla piazza centrale, accanto al nuovo Palazzo Comunale. Il teatro comunale "Carlo Goldoni" fu costruito tra 1839 e 1845 su progetto dell'architetto bolognese Filippo Antolini. Per edificare il teatro venne abbattuto ciò che rimaneva dell'antico Palazzo Brandolini, gran parte del quale era già stato raso al suolo per innalzare il Palazzo Comunale. Il teatro fu inaugurato nel 1845.
TORRACCIA
La Torraccia è una delle costruzioni più antiche esistenti nel centro storico di Bagnacavallo.
TORRE CIVICA
La torre civica, che sorge adiacente al Palazzo Vecchio, fu innalzata attorno alla metà del Duecento. Alta 35 metri, costruita in mattoni a vista, ha base quadrata, zoccolo a scarpa e conserva ancora i quattro piombatoi d'angolo.
TORRE DI TRAVERSARA
Torre costruita presumibilmente attorno al 1370.
VICOLO DEGLI AMORI
Il Vicolo degli Amori è una stretta via che mette in comunicazione la piazzetta della chiesa del Carmine e via Vecchia Darsena.
VILLA SAVOIA
Palazzo padronale, sorto nel XVII secolo, che a lungo dominò la pianura circostante, allora in gran parte acquitrinosa; decorato da affreschi di Tommaso Bibiena, è unito mediante una piccola galleria al coretto dell'oratorio, eretto nel 1753 dal ravennate Giovanni Barbucchielli.
VILLE, DIMORE E TEATRI STORICI
Tutte da scoprire nel cuore della Romagna d'Este: la dimora di città di Gioacchino Rossini, quella di campagna di Vincenzo Monti e la sfarzosa villa dei conti Rasponi.
Antiche e moderne note e parole, nel settecentesco Teatro Rossini di Lugo considerato il "prototipo del teatro all'italiana", nell'ottocentesco Teatro Comunale di Russi recentemente restaurato e nel teatro Carlo Goldoni di Bagnacavallo, uno dei più piccoli e suggestivi teatri della Romagna.

Questo sito utilizza i Cookies (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza di navigazione e per raccogliere dati statistici. Continuando la navigazione acconsentirai all'uso dei cookies. accetto   maggiori info
siti internet acticode.it