Celebrazioni per Muzio Attendolo Sforza

Cotignola

Celebrazioni per Muzio Attendolo Sforza

In occasione del 650esimo anniversario della nascita di Muzio Attendolo Sforza, Cotignola dedica al capostipite della storica famiglia, due giornate di eventi: 1 e 2 giugno.

Un’immersione nell'atmosfera medievale con scene di vita quotidiana e militare, attività didattiche, combattimenti, tiro con l'arco e per finire uno spettacolo di falconeria.

PROGRAMMA

1 giugno
Parco Bacchettoni (via Cairoli)
dalle 15 alle 20 accampamento medievale del gruppo di rievocazione storica "Gli Sparvieri": la vita delle compagnie di ventura alla fine del XIV secolo, tra duelli armati, cucina dell'epoca, banchetti didattici delle spezie e dei colori.
….a seguire, a Casa Varoli (corso Sforza 24)
alle 21.30 lettura animata a cura di Stefano Farolfi: "La storia quasi vera di Cotignola", un libro della scuola Arti e mestieri.
Il cortile di Casa Varoli sarà inoltre luogo delle mirabolanti avventure di Muzio Attendolo e della Fata Cotogna.

2 giugno Parco Bacchettoni
dalle 11 alle 19 percorso di visita guidata all'accampamento medievale a cura del gruppo "Gli Sparvieri".
dalle 15.30 alle 16.30 campo di tiro con l'arco (via Guidana San Lorenzo 10) appassionati e non potranno cimentarsi nelle prove gratuite di tiro con l'arco, a cura della compagnia Arcieri “Muzio Attendolo Sforza” di Cotignola
dalle 17 alle 18 esibizione con archi storici proposta dal Gruppo storico arcieri del Barbarossa di Medicina
alle 18 gran finale con lo spettacolo di falconeria Freddy e i suoi falchi (campo di tiro con l’arco).

Le iniziative sono a partecipazione libera e sono organizzate dal Comune di Cotignola in collaborazione con il gruppo di rievocazione storica “Gli Sparvieri” e della compagnia “Arcieri Muzio Attendolo Sforza”.
Per ulteriori informazioni: Ufficio Urp 0545 908826, email urp@comune.cotignola.ra.it.

Info storiche

Muzio Attendolo Sforza
Nacque a Cotignola nel 1369 e morì nel 1424. Fu un capitano di ventura.

Fondatore della dinastia degli Sforza, Muzio nato nel 1369, apparteneva alla famiglia romagnola degli Attendoli, agiati agricoltori di Cotignola.
Attratto dalla vita delle armi, a tredici anni, Muzio entrò al servizio di un soldato spoletino, compiendo, successivamente, la sua formazione militare in varie compagnie di ventura fino a diventare comandante alle dipendenze di Alberico di Barbiano e Francesco Broglia.

Nel 1398 fu assoldato da Perugia nella guerra contro il signore di Milano, Gian Galeazzo Visconti che, sconfitto, gli dovette cedere la città. Negli anni successivi condusse una travagliata esistenza di capitano di ventura al soldo delle maggiori signorie italiane.

Fu Giovanna II, regina del regno di Napoli, che gli impose di adottare come nome di casato "Sforza" e Giovanni XXIII lo nominò conte di Cotignola. Riuscì poi, ad attuare proficui matrimoni per sè e per i congiunti, ampliando i propri possedimenti in Toscana, Basilicata, Calabria, Abruzzi e Puglia.

Questo sito utilizza i Cookies (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza di navigazione e per raccogliere dati statistici. Continuando la navigazione acconsentirai all'uso dei cookies. accetto   maggiori info
siti internet acticode.it